Saldi invernali 2023: previsioni e le regole per i commercianti

Luca Paolucci
  • Laurea in Economia e Management
  • Laureato in Management Internazionale
03/01/2023

Con l’avvio dei saldi invernali 2023, Confcommercio ha reso note le regole di trasparenza e sicurezza che i commercianti devono rispettare nei confronti dei clienti. Vediamo nel dettaglio quali sono e le relative proiezioni per l’imminente stagione di vendite straordinarie.

shopping-g593e43b99_1920

Secondo l’Ufficio Studi di Confcommercio, saranno 15,4 milioni le famiglie che acquisteranno durante i prossimi saldi invernali, con ogni persona che, in media, spenderà circa 133 euro, per un giro di affari di 4,7 miliardi di euro.

Vediamo nel seguente articolo tutte le regole che gli esercenti devono rispettare.

Saldi invernali 2023: le regole per i commercianti

stylish-woman-with-shopping-bags

Confcommercio ha comunicato tutte le regole che i commercianti devono rispettare durante i prossimi saldi invernali nei confronti della clientela:

  • obbligo indicare il prezzo normale di vendita, lo sconto e il prezzo finale;
  • i capi che vengono proposti in saldo devono avere carattere stagionale o di moda e avere uno sconto rilevante se non venduti entro un certo periodo di tempo;
  • le carte di credito devono essere accettate da parte del negoziante, che deve favorire i pagamenti cashless;
  • eventuali modifiche e/o adattamenti sartoriali sono a carico del cliente, salvo diversa pattuizione;
  • la possibilità di cambiare il capo dopo che lo si è acquistato è lasciata alla discrezionalità del negoziante, a meno che il prodotto non sia danneggiato o non conforme (in tal caso scatta l’obbligo per il negoziante della riparazione o della sostituzione del capo e, nel caso ciò risulti impossibile, la riduzione o la restituzione del prezzo pagato). Il compratore, invece, è tenuto a denunciare il vizio del capo entro due mesi dalla data della scoperta del difetto.

Saldi invernali 2023: le proiezioni

fashion-gdf3e632f2_1920

C’è ottimismo sui numeri dei prossimi saldi invernali, come affermato dal presidente nazionale di Federazione Moda Italia-Confcommercio Giulio Felloni:

Saranno saldi molto apprezzati dai consumatori per l’ampia scelta di prodotti di moda, tendenza e qualità. E saranno veramente tanti ed ottimi gli affari che si potranno fare negli esercizi commerciali e nelle boutique delle nostre città. Maglieria, pantaloni, giacconi, scarpe, accessori saranno ora più che mai oggetto dei desideri per via dei prezzi che non hanno subito aumenti come invece in altri settori che hanno risentito dell’inflazione. Con queste premesse, stimiamo una crescita dei saldi di oltre il 10%, che sarà più utile alla liquidità piuttosto che ai guadagni, che confidiamo possano arrivare dalla rinnovata fiducia che i consumatori ripongono con sempre maggiore frequenza nei nostri negozi orientati verso future strategie legate alla sostenibilità e all’innovazione.