Scade il termine per la rottamazione cartelle: attenzione alle date

Si avvicina la scadenza per richiedere la rottamazione delle cartelle. L’Agenzia Entrate Riscossione ha specificato di non attendere gli ultimi giorni per inviare la propria richiesta. Vediamo insieme perché.

Calendario

Il 30 aprile 2023 sarà l’ultimo giorno utile per presentare la richiesta di adesione alla rottamazione cartelle edizione legge di bilancio 2023. Tuttavia, c’è una possibile complicazione: il 30 aprile è un sabato e il 1° maggio è festivo, quindi non è chiaro se la richiesta potrà essere presentata entro il 2 maggio. In ogni caso, è importante non presentare la richiesta troppo tardi per evitare il rischio di rimanere esclusi dalla sanatoria cartelle.

Rottamazione cartelle: quali debiti riguarda e quali vantaggi offre

businessman-marking-on-calendar-for-an-appointment-min

La rottamazione cartelle edizione 2023 si riferisce ai debiti affidati all’Agenzia Entrate Riscossione dal 1° gennaio 2000 al 30 giugno 2022. Se la richiesta di adesione viene accettata, il contribuente pagherà solo l’importo della quota capitale del debito residuo, senza dover corrispondere sanzioni, interessi di mora, interessi iscritti a ruolo e aggio. Nel caso di multe stradali, si risparmieranno solo gli interessi e l’aggio.

Modalità di pagamento e scadenze per la rottamazione cartelle

Il pagamento può essere effettuato in un’unica soluzione o a rate, a scelta del contribuente. Nel caso di pagamento a rate, le prime due scadono il 31 luglio e il 30 novembre 2023, mentre le restanti vanno pagate entro il 28 febbraio, il 31 maggio, il 31 luglio e il 30 novembre di ciascun anno a partire dal 2024. Il piano di restituzione deve essere completato entro 5 anni.

Perché non aspettare gli ultimi giorni

Per evitare il rischio di non riuscire a presentare la richiesta di adesione in tempo, l’Agenzia Entrate Riscossione consiglia di non aspettare gli ultimi giorni. Inoltre, il sistema informatico potrebbe essere intasato nelle ultime ore, impedendo di inoltrare la richiesta in tempo. Per questo motivo, è meglio presentare la richiesta di adesione alla rottamazione cartelle edizione 2023 con largo anticipo.

L’importanza del servizio “Se mi scordo”

Per non dimenticare le scadenze di pagamento, l’Agenzia Entrate Riscossione mette a disposizione il servizio “Se mi scordo“, che invia una notifica via SMS o e-mail per ricordare le scadenze di pagamento. Utilizzare questo servizio può essere utile per evitare di perdere l’opportunità di aderire alla rottamazione cartelle edizione 2023.

Lascia un commento