Scadenze fiscali luglio 2022: il calendario con i principali appuntamenti

Il prossimo mese di luglio sarà ricco di appuntamenti per tutti i contribuenti italiani. Dagli adempimenti contabili per i soggetti Iva alle imposte sui redditi, vediamo nel dettaglio quali sono le date da segnare in rosso sul calendario.

agenzia-delle-entrate

Scadenze fiscali: quello di luglio sarà un mese ricco di appuntamenti da segnare sul calendario.

Tutti i dettagli si trovano sul sito dell’Agenzia delle Entrate, dove è stato pubblicato lo scadenzario con le date e le istruzioni per effettuare gli adempimenti. Vediamo nel seguente articolo quali sono i principali appuntamenti da tenere a mente.

Le scadenze del 15 luglio

Businessman planning events, deadlines and agenda

Il primo appuntamento da segnare sul calendario è il 15 luglio e riguarda gli adempimenti contabili per:

  • i soggetti Iva, con l’emissione e la registrazione delle fatture differite relative a beni consegnati o spediti nel mese solare precedente e risultanti da documento di trasporto o da altro documento idoneo ad identificare i soggetti tra i quali è stata effettuata l’operazione, oltre alle fatture riferite alle prestazioni di servizi individuabili attraverso idonea documentazione eseguite nel mese solare precedente;
  • le Asd, le pro-loco e altre associazioni, che devono annotare, anche con un’unica registrazione, l’ammontare dei corrispettivi e di qualsiasi provento conseguito nell’esercizio di attività commerciali, con riferimento al mese precedente;
  • gli esercenticommercio al minuto, con la registrazione, anche cumulativa, delle operazioni per le quali viene rilasciato lo scontrino fiscale o la ricevuta fiscale, effettuate nel mese solare precedente.

Sempre il 15 luglio, inoltre, scade il tempo utile per comunicare all’Agenzia delle Entrate i dati di dettaglio relativi al canone Tv addebitabile e accreditabile nelle fatture emesse dalle imprese elettriche riferiti al mese di giugno.

Le scadenze del 18 e del 20 luglio

calendar-3073971_1920

Il 18 luglio scade la seconda rata per i titolari di partita Iva che hanno scelto il pagamento dilazionato delle imposte sui redditi (Irpef e addizionali, Ires, Irap, cedolare secca, e imposte sostitutive). Il versamento può essere fatto:

  • tramite modello F24 (utilizzando i servizi «F24 web» o «F24 online» dell’Agenzia delle Entrate);
  • attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel;
  • ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate);
  • tramite intermediario abilitato.

Entro il 18 luglio, inoltre, i sostituti d’imposta devono effettuare il versamento delle ritenute operate a giugno 2022.

Sono due, invece, le scadenze previste per il 20 luglio:

  • la trasmissione telematica della dichiarazione trimestrale Iva riepilogativa delle operazioni effettuate nel trimestre precedente, col contestuale versamento dell’Iva dovuta in base alla stessa;
  • la comunicazione all’Agenzia delle Entrate dei dati di dettaglio relativi al canone TV addebitato, accreditato, riscosso e riversato nel mese precedente.

Le scadenze di fine luglio

calendar-g7ad6d5117_1280

Entro il 25 luglio, Caf e professionisti abilitati che prestano assistenza fiscale devono inviare i modelli 730 elaborati che i contribuenti hanno trasmesso nel periodo dal 21 giugno al 15 luglio.

Entro il 31 luglio, infine, va eseguita la trasmissione telematica della dichiarazione trimestrale Iva riepilogativa delle operazioni effettuate nel trimestre precedente e contestuale versamento dell’Iva dovuta in base alla stessa. L’obbligo di comunicazione sussiste anche in caso di mancanza di operazioni nel trimestre.

Lascia un commento