Sciopero benzinai confermato: chiusi anche i self-service

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
20/01/2023

Dopo lunghe trattive che sembravano far presagire ad una risoluzione, lo sciopero dei benzinai per il 25 e 26 Gennaio 2023 è stato confermato, ed esteso anche ai self-service. La protesta durerà le ore 19.00 del 24 gennaio e le ore 19.00 del 26 gennaio. Il rischio di disagi è molto elevato per gli automobilisti, dunque è bene attivarsi per fare rifornimento nei giorni precedenti.

Benzina

Si è sperato fino alla fine, ma lo sciopero dei benzinai per il 25 e 26 Gennaio è stato confermato dalle Organizzazioni di categoria dei Gestori degli impianti di carburanti. La conferma è arrivata al termine della riunione che ha avuto luogo nella giornata di ieri presso il Ministero delle Imprese e del Made in Italy.

Come funziona lo sciopero e quanto tempo durerà effettivamente?

Sciopero benzinai: quanto durerà?

Benzina

Vediamo in primis quanto durerà lo sciopero dei benzinai per i 25 e 26 Gennaio. Fegica, una delle prima associazioni a confermare la legittimità dello sciopero, ha ribadito che questo durerà circa 12 ore in meno del previsto. Dalle 60 ore previste, queste so no state ridotte a 48. Quali sono i giorni e gli orari coinvolti?

L’iniziativa di sciopero è compresa tra le ore 19.00 del 24 gennaio, alle ore 19.00 del 26 gennaio 2023. La nota di Fegica precisa che lo sciopero inizierà alle 19 del 24 gennaio. Unica buona notizia è il taglio delle 12 ore, in quanto 60 ore senza possibilità di fare rifornimento sarebbe stato eccessivo per gli automobilisti e i pendolari.

Sciopero benzinai: ok dal Ministero

Diesel

Il benestare allo sciopero dei benzinai è arrivato dopo che la Commissione di Garanzia sugli scioperi ha preso atto dello sciopero indetto dai distributori di carburante su rete ordinaria e autostradale. Consci dei disagi che verranno arrecati alla popolazione, è stata richiesta una ulteriore diminuzione dello sciopero.

Nelle giornate antecedenti lo sciopero assisteremo ad un vero e proprio assalto alle pompe di benzina, per evitare di rimanere a secco nei due giorni successivi.