Sconti carburanti: a Dicembre giù del 50%

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
09/12/2022

Negli ultimi 11 mesi, lo Stato si è fatto garante degli sconti carburanti. Si stima che ad oggi, la spesa sostenuta per far fronte a ciò sia stata di circa 10 miliardi di euro. Tale ammontare fa ben comprendere quanto sia stato importante concedere lo sconto. Cerchiamo di saperne di più insieme nel seguente articolo.

Benzina

Lo Stato, al momento dello scoppio della crisi in Ucraina, si è immediatamente fatto garante di sostenere degli sconti appositi per assistere imprese e famiglie. Le misure sono volte a ridurre temporaneamente le accise e l’Iva su benzina e gasolio, crediti d’imposta riservati all’autotrasporto, all’agricoltura e alla pesca per far fronte ai rincari, oltre a bonus per l’acquisto di abbonamento ai servizi di trasporto pubblico.

Ma quanto ha speso complessivamente sia per le bollette che per i carburanti?

Aiuti di Stato: quanto è costato il caro carburanti?

Benzina

Vediamo ora nel dettaglio quanto è costato per lo Stato italiano il caro carburanti. Come è noto, a partire dal mese di Marzo, è attivo un sistema di sconti sulle accise che ammontano a circa 30,5 centesimi al litro per diesel e benzina. In questo modo il prezzo al litro risulta essere nella norma, invece che schizzare verso l’alto.

Sostenere questa spesa è però uno sforzo enorme per le casse statali, che solo per questo ha speso sei miliardi di euro fino al mese di Ottobre 2022. Il grosso di questa cifra è andato per il contenimento dell’Iva, si stima circa 4,5 miliardi di euro.

Sconti benzina: dimezzamento del 50%

Diesel

Gli sconti benzina saranno dimezzati a partire da Dicembre 2022, andando a comportare un aumento dei prezzi di circa 12 centesimi. Questo scenario non è il migliore auspicabile, soprattutto in ottica dell’arrivo delle festività natalizie. I più attenti avranno notato che negli ultimi mesi di Novembre il prezzo dei carburanti era molto basso.

Questo era sintomo di un imminente aumento dei prezzi, che come preventivabile sono aumentati esattamente di 12 centesimi in media.