Sismabonus fino al 2024: come funziona e cosa cambia

Luca Paolucci
  • Esperto di: Politica, Economia e Detrazioni Fiscali
17/01/2022

La nuova Legge di Bilancio ha prorogato fino al 31 dicembre 2024 il sismabonus, l’incentivo che prevede una detrazione fiscale dal 50 all’85% calcolata sulle spese effettuate per i lavori di riduzione del rischio sismico. Vediamo come funziona l’agevolazione e come variano gli importi in base alla tipologia di intervento realizzato.

bricklaying-construction-worker-building-a-brick-wall-min

La Legge di Bilancio approvata di recente ha disposto la proroga al 31 dicembre 2024 del sismabonus, la misura introdotta dal Governo per incentivare i lavori di riduzione del rischio sismico sugli edifici.

Il bonus prevede la possibilità di usufruire di una detrazione fiscale dal 50 all’85% delle spese effettuate a partire dal 2017, con l’importo che varia in base alla tipologia di intervento realizzato.

Vediamo come funziona la misura e quali sono i dettagli dell’agevolazione.

Sismabonus prorogato al 2024: come funziona

construction-plans-with-yellow-helmet-and-drawing-tools-on-bluep-min

La Legge di Bilancio 2022 ha prorogato ufficialmente fino al 2024 il sismabonus, l’incentivo che consente di portare in detrazione le spese sostenute per effettuare i lavori di riduzione del rischio sismico, migliorando la classe sismica dell’immobile oggetto dell’intervento.

Il bonus si potrà infatti richiedere fino al 31 dicembre 2024 per interventi realizzati a partire dal 2017. Per poter accedere alla misura, però, è richiesta obbligatoriamente sui lavori realizzati una perizia eseguita da un professionista di progettazione strutturale o di direzione dei lavori delle strutture e collaudo statico in possesso di una laurea in ingegneria o in architettura.

L’aliquota della detrazione può andare dal 50 all’85% in base a determinati parametri e alla tipologia di lavoro compiuta sull’edificio.

Sismabonus: le detrazioni

crop-architect-opening-blueprint-min

Il limite di spesa massimo su cui calcolare la detrazione è stato fissato in 96 mila euro all’anno per ogni unità immobiliare, con gli interventi che, come detto, devono essere stati realizzati non prima del 2017.

Gli importi dell’incentivo offerto dal sismabonus seguono poi il seguente schema:

  • detrazione del 50% per gli interventi che non apportano alcun miglioramento della classe sismica dell’edificio oggetto dei lavori;
  • detrazione del 70% per gli interventi che apportano il miglioramento di una classe sismica dell’edificio oggetto dei lavori;
  • detrazione dell’80% per gli interventi che apportano il miglioramento di due classi sismiche dell’edificio oggetto dei lavori;
  • detrazione dell’85% solamente per i condomini nel caso in cui gli interventi apportino il miglioramento di due classi sismiche.

La detrazione applicata sarà suddivisa in cinque quote annuali di pari importo.