Sostegni bis convertito in legge: gli interventi principali

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
23/07/2021

È diventato ufficialmente legge il tanto atteso decreto denominato Sostegni bis. Si tratta di un insieme di aiuti e assistenze introdotte dal Governo dal valore di 40 miliardi di euro: cerchiamo di scorporarla e vedere tutti gli ambiti di applicazione.

Man life cycle concept

Il decreto Sostegni bis sarà la rampa di lancio da sfruttare per restaurare e migliorare l’Italia. Molti sono i bonus orientati alla transizione ecologica e digitale, ma anche per la ripresa delle attività dello spettacolo come cinema, teatro, circensi e così via.

Le novità riguardano anche la scuola, le cartelle e gli incentivi auto: scopriamo insieme gli ambiti di applicazione più importanti e con che intensità si interverrà.

Sostegni bis: gli interventi principali

money-1005479_1920

Uno degli interventi più importanti è quello degli incentivi auto: sono stati predisposti 350 milioni per il così detto ecobonus auto, che viene prorogato dal 30 giugno al 31 dicembre 2021. Gli aiuti vanno anche alle auto usate, ma che siano Euro 6 e con contestuale rottamazione di un veicolo di medesima categoria e di almeno 10 anni.

Viene anche spostata la data per il pagamento delle cartelle: il termine sarà il 30 settembre 2021. Il monte atti, che l’agente pubblico della riscossione dovrà riscuotere, ammonta a circa 60 milioni.

Stop anche all‘Imu 2021 in scadenza il 16 dicembre per i circa 100mila proprietari di immobili bloccati dalla sospensione degli sfratti a partire dal 28 febbraio 2020.

Tornano i contributi a fondo perduto anche per le attività economiche con volumi di affari tra i 10 e i 15 milioni di euro. Le risorse stanziate sono pari a 529 milioni di euro per il 2021.

Nel provvedimento anche una norma cosiddetta “Salva Comuni”. L’obiettivo è salvare dal default oltre 800 comuni. Per loro si prevede la possibilità di ripianare l’extra deficit in dieci anni anche grazie le risorse aggiuntive che salgono a 160 milioni.

Aumenta di 40 milioni per il 2021 il fondo per il sostegno delle attività economiche per le quali sia stata disposta la chiusura a causa del Covid.

400 milioni saranno corrisposti alla scuola per evitare le lezioni da remoto e introdurre nuovo personale scolastico, tramite la predisposizione di nuovi concorsi.

Infine molto importante è la possibilità di effettuare i tamponi gratis per la categoria dei “fragili”.