Stipendi dipendenti pubblici gennaio 2023: le date degli accrediti

Luca Paolucci
  • Laurea in Economia e Management
  • Laureato in Management Internazionale
01/01/2023

Sono state comunicate dall’INPS le date in cui avverranno gli accrediti degli stipendi dei dipendenti pubblici di gennaio. Vediamo nel seguente articolo il calendario ufficiale dei pagamenti e in che modo conoscere l’importo del proprio stipendio.

top-border-euro-money-notes-min

Sono state comunicate le date relative ai pagamenti degli stipendi di gennaio 2023 dei dipendenti della Pubblica Amministrazione. I soggetti interessati possono accedere al proprio cedolino online per visualizzare l’importo e la data esatta dell’accredito.

Vediamo come fare ad accedere al cedolino e qual è il calendario dei pagamenti.

Stipendi dipendenti pubblici: i pagamenti di gennaio

money-1005476_1920

Sono state ufficializzate dall’INPS le date del prossimo mese di gennaio in cui verranno pagati gli stipendi dei dipendenti pubblici:

  • da lunedì 16 gennaio è previsto il pagamento della rata ordinaria dei comparti Sicurezza e Difesa, Funzioni Centrali, Funzioni Locali, Ricerca e Istruzione;
  • da mercoledì 18 gennaio è previsto il pagamento della rata ordinaria del comparto Sanità;
  • da giovedì 19 gennaio è previsto il pagamento delle rate per il personale Supplente Breve e Saltuario della scuola e personale VVF che sono rientrate nell’emissione speciale della metà del mese.

Cedolino NoiPA: come visualizzarlo

money-notepad-and-calculator-on-the-table

I dipendenti pubblici possono conoscere la data esatta del pagamento del proprio stipendio e l’importo di quest’ultimo visualizzando il cedolino NoiPA online. Di seguito la procedura completa da seguire:

  • accedere alla propria area riservata autenticandosi tramite SPID, CIE o CNS;
  • inserire nel tasto “cerca” la dicitura “Consultazione pagamenti”;
  • selezionare il mese di gennaio per visualizzare il cedolino NoiPA dello stipendio.

Tramite il servizio “Modalità di Riscossione” presente nel cedolino online, ricordiamo, è possibile modificare la modalità di accredito dello stipendio: una volta cambiata, la nuova modalità sarà effettiva a partire dal mese successivo.