Superbonus 110% anche per la fibra ottica

24/06/2021

Superbonus 110%: tra le spese agevolabili potrebbero rientrare anche quelle per la fibra ottica. È la proposta del “digital bonus”, annunciata dalla deputata del Pd e segretaria della commissione Trasporti della Camera Enza Bruno Bossio. Vediamo meglio di cosa si tratta.

blue-optic-fiber-with-ethernet-cables-min

Anche la fibra ottica potrebbe rientrare nelle spese scontabili con il Superbonus 110%.

La proposta, presentata come “digital bonus“, è stata annunciata mercoledì 23 giugno dalla deputata Pd e segretaria della commissione Trasporti della Camera Enza Bruno Bossio, nel corso del convegno online del Consiglio nazionale degli ingegneri e del Comitato italiano ingegneria dell’informazione.

L’iniziativa potrebbe presto diventare un emendamento del Pd al decreto Semplificazioni.

Superbonus 110%: apertura alla fibra ottica

laptop-with-blue-optical-fiber-min

Anche le spese sostenute per installare la banda larga potrebbero rientrare tra quelle agevolabili grazie al Superbonus 110%.

Si tratterebbe di una novità importante, volta a favorire ulteriormente il processo di digitalizzazione di case, uffici e stabilimenti industriali indicato dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, che tra i suoi punti annovera anche quello della diffusione della fibra ottica nel Paese.


Leggi anche: Superbonus 110%: multe per i falsi attestati

L’iniziativa, presentata dalla segretaria della commissione Trasporti della Camera Enza Bruno Bossio, potrebbe ora diventare un emendamento del Pd al decreto Semplificazioni, che in queste settimane sta attraversando l’iter in Parlamento per la conversione in legge.

La bozza dell’emendamento del Pd

enza_bruno_bossio_fg_0706

La bozza dell’emendamento che dovrebbe essere presentato dal Pd recita quanto segue:

“Tra gli interventi per i quali è previsto il Superbonus rientrerebbero quelli di infrastrutturazione digitale degli edifici o delle unità immobiliari, intesi come realizzazione di una infrastruttura fisica multiservizio passiva interna all’edificio o all’unità immobiliare, contenente reti di accesso cablate in fibra ottica con terminazione fissa o senza fili che permettono di fornire l’accesso ai servizi a banda ultralarga e di connettere il punto di accesso dell’edificio o dell’unità immobiliare con il punto terminale di rete”.

Si tratterebbe, in parole povere, di una sorta di incentivo per le infrastrutture di rete volto a rendere gli edifici e gli immobili più ecosostenibili. Si attendono novità a riguardo già dalle prossime settimane.

Luca Paolucci
  • Laurea in Economia e Management
  • Laureando in Management Internazionale
  • Esperto di: Politica, Economia e Detrazioni Fiscali
Suggerisci una modifica