Superbonus 110%, nuova CILA: come funziona e cosa cambia

31/07/2021

Superbonus 110%: con la nuova CILA sarà possibile segnalare anche le varianti in corso d’opera. È questa la novità principale sul tema emersa dal decreto Semplificazioni: da questo momento, di fatto, non servirà presentare un nuovo documento ma basterà integrare quello già esistente.

planning-3536753_1920

Novità importanti per quanto riguarda il Superbonus 110%. Il decreto Semplificazioni ha infatti ufficializzato l’introduzione della nuova CILA (Comunicazione Inizio Lavori Asseverata), la quale consentirà di segnalare eventuali varianti in corso d’opera senza la necessità di presentare un nuovo documento e annullare quello precedente.

Vediamo più nel dettaglio cosa dice il nuovo provvedimento sul Superbonus 110%.

Nuova CILA: come funziona

closeup-of-business-woman-making-notes-in-document-min (1)

Il decreto Semplificazioni ha cambiato in maniera importante il meccanismo di richiesta del Superbonus 110%.

Ad oggi, infatti, è possibile usufruire di una procedura semplificata basata unicamente sulla Comunicazione Inizio Lavori Asseverata, la cosiddetta CILA, individuata dal Governo come la sola documentazione da inviare per poter accedere all’agevolazione.


Leggi anche: Superbonus 110%, proroga al 2023: linee guida

Nelle CILA vanno inseriti in primis i dati anagrafici del soggetto titolare dell’intervento. Se i lavori vengono effettuati su parti private è previsto poi un apposito modello allegato alla CILA. Nel caso, invece, di interventi in condominio, è necessaria l’approvazione da parte dell’assemblea.

Nuova CILA: ammesse le varianti in corso d’opera

construction-worker-569149_1920

La novità principale introdotta dal decreto Semplificazioni, come accennato, riguarda la possibilità di integrare la CILA in caso di eventuali varianti in corso d’opera.

Fino ad oggi, infatti, in caso di modifiche di questo tipo veniva richiesto al soggetto titolare dell’intervento di presentare una nuova CILA annullando quella precedentemente inviata. Il motivo principale di tale vincolo era legato al fatto che con questo documento si richiedono anche i finanziamenti, di conseguenza ogni modifica avrebbe potuto bloccare i fondi.

Per semplificare il Superbonus, però, il Governo ha pensato di eliminare questa limitazione, permettendo quindi di inserire le varianti in corso d’opera all’interno del documento già presentato.

 

Luca Paolucci
  • Laurea in Economia e Management
  • Laureando in Management Internazionale
  • Esperto di: Politica, Economia e Detrazioni Fiscali
Suggerisci una modifica