Superbonus 110%, nuova regola: deve esserci un impianto di riscaldamento

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
27/08/2021

Affinchè l’edificio scelto sia idoneo per l’inizio dei lavori inerenti al Superbonus 110%, è necessaria una condizione particolare. Nel dettaglio, l’immobile deve essere fornito dell’impianto di riscaldamento, pena esclusione dal bonus. Analizziamo la questione nel dettaglio.

6153-min

La notizia è stata comunicata dall’Agenzia delle Entrate con la risposta a interpello n. 557 del 25 agosto 2021: non è possibile rientrare nel programma Superbonus 110% se l’immobile da ristrutturare non è fornito di impianto di riscaldamento.

Discorso analogo può essere fatto per l’ecobonus, per il quale è necessario provare la presenza, anche e non funzionante, dell’impianto di riscaldamento.

Cerchiamo di comprendere la questione più a fondo.

Superbonus 110%: esclusione per l’immobile senza impianto di riscaldamento

radiator-250558_1920

L’immobile per il quale vi è intenzione di fare domanda per il Superbonus 110% deve essere fornito di impianto di riscaldamento, anche se non funzionante, pena l’esclusione dall’agevolazione.


Leggi anche: Superbonus 110% 2022: come funziona e novità

Questo è quanto comunicato dall’Agenzia delle Entrate, secondo cui non si può avere accesso ai lavori di riqualificazione energetica senza essere in possesso di un impianto di climatizzazione.

Ma non solo, l’Agenzia ha reso noto che l’impianto deve essere funzionante nelle stanze in cui avverranno i lavori di riqualificazione energetica. Tale necessità si collega ai requisiti tecnici che sono necessari per ottenere la detrazione fiscale, rietranti nella sfera dell’ecobonus a cui si aggancia il Superbonus.

Superbonus 110%: ok per gli immobili anche senza APE, ma non senza impianto di riscaldamento

businessman-checking-documents-at-table-min

Secondo le ultime disposizioni, possono accedere al beneficio anche gli edifici privi di APE iniziale, in quanto sono assenti le coperture di uno o più muri perimetrali, purchè sia sufficiente al raggiungimento della classe energetica A.

Per i lavori di miglioramento dell’efficienza energetica, l’Agenzia delle Entrate ha inoltre specificato che deve essere dimostrata la presenza, ante operazioni di restauro, del sistema di riscaldamento. Tale dimostrazione deve avvenire tramite dichiarazione tecnica.

La presenza dell’impianto di riscaldamento rappresenta, quindi, una condizione essenziale per accedere al bonus.