Superbonus 110% villette: quali sono le scadenze?

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
23/08/2022

C’è una condizione specifica da rispettare per poter usufruire del Superbonus 110% per i proprietari di villette e unifamiliari. La condizione riguarda la scadenza del 30 settembre 2022. Vediamo insieme.

Lavori, Edilizi

I proprietari di villette e altri edifici unifamiliari che voglio beneficiare del Superbonus 110% nel 2022 devono prestare attenzione alle scadenze, che si stanno avvicinando sempre di più.

Secondo la normativa vigente, infatti, la detrazione del 110% spetta per le spese sostenute entro il 31 dicembre 2022, purché venga rispettata la scadenza del 30 settembre 2022. Vediamo insieme nel dettaglio.

Superbonus 110%: attenzione alla scadenza del 30 settembre

Edilizia

Per poter usufruire del Superbonus 110%, i proprietari di villette e altri edifici unifamiliari dovranno ultimare i lavori per il 30 per cento entro il 30 settembre 2022. Inizialmente la scadenza sarebbe dovuta cadere il 30 giugno, ma è stata successivamente posticipata di tre mesi.

A fare chiarezza circa gli interventi da effettuare entro il termine ultimo previsto è Il Sole 24 Ore:

Prima del Dl 50/2022, le Entrate avevano precisato che la soglia del 30% ‘va commisurata all’intervento complessivamente considerato e non solo ai lavori agevolati’, dovendosi quindi includere anche gli importi agevolati con altri bonus nonché quelli relativi a lavori non fiscalmente agevolati.

In seguito, il giornale specifica che il Dl 50/2022, ha introdotto:

la previsione per cui nel computo dei lavori possono (e non devono) essere compresi anche i lavori non agevolati. Ora è possibile considerare ai fini della soglia del 30% i soli lavori agevolati al 110% e non anche quelli relativi ad altri bonus minori o del tutto non agevolati.

Ricordiamo che la percentuale del 30 per cento si misura solo sui lavori che al 30 settembre 2022 saranno stati effettivamente eseguiti e non sui pagamenti, che potranno anche essere effettuati successivamente.

Cosa accade se non si rispetta la scadenza?

Edilizia

Nel caso in cui entro il 30 settembre 2022 non venga completato il 30 per cento dei lavori, se i lavori sono già iniziati spetta comunque il superbonus per le spese che sono state sostenute fino al 30 giugno scorso, mentre per i pagamenti effettuati dopo questa data spettano i bonus edilizi minori in base alla tipologia di intervento.