Superbonus, detrazione in 10 anni: cosa cambia e per chi

Ilaria Bucataio
  • Laureata in Scienze della comunicazione
  • Esperta in bonus fiscali e detrazioni
12/09/2023

Il Superbonus è stato modificato diverse volte nell’ultimo arco di tempo, portando a cambiamenti sia per quanto riguarda la quota del contributo sia per quanto riguarda le modalità di accesso. In attesa di capire se ci saranno ulteriori modifiche, resta ferma la possibilità di dilazionare i tempi della detrazione. Vediamo insieme in quali circostanze è possibile attuarla.

superbonus 110

Il Superbonus è ancora in fase di definizione. Il funzionamento del contributo – a partire dalla quota che viene riconosciuta a chi avvia lavori di ristrutturazione fino ad arrivare alla modalità di rimborso, dallo sconto in fattura passando per la cessione del credito, stoppata in un primo momento dal governo Meloni – potrebbe essere nuovamente modificato.

In attesa di capire come verrà articolato, resta ferma la possibilità di dilazionare il contributo facendo riferimento alle diverse normative in vigore.

Superbonus: cosa dice la legge

mano-che-presenta-casa-modello-per-la-campagna-di-mutuo-per-la-casa

Nel caso in cui si voglia comprendere qual è l’arco temporale della detrazione, si dovrà far riferimento alle leggi che sono attualmente in vigore e che riguardano il Superbonus. In particolare, si farà riferimento al Decreto Rilancio, al Decreto Aiuti-Quater e al Decreto Cessioni.

Superbonus: il Decreto Rilancio

Chiavi, Casa
Autore: Schluesseldienst / Pixabay

Parlando della possibilità di dilazionare l’utilizzo del Superbonus, il Decreto Rilancio stabilisce due possibilità a cui i contribuenti possono accedere.

La prima consente di ripartire il Superbonus in 5 quote annuali – e può essere utilizzato per le spese sostenute da luglio 2020 fino al primo giugno 2022. Per le spese avvenute dopo il primo gennaio 2022, invece, viene stabilita la ripartizione in 4 quote per anno.

Superbonus: il Decreto Aiuti-Quater

Casa
Autore: Firmbee / Pixabay

Il Superbonus – insieme al Sismabonus e al bonus barriere architettoniche – può essere utilizzato anche in 10 anni, a patto di rispettare i seguenti requisiti:

  • Aver aderito alla cessione del credito o allo sconto in fattura con comunicazione effettuata entro il 31 marzo 2023
  • Far riferimento alla quota residua delle rate dei crediti dell’annualità 2022 – comunicazione entro il 31 ottobre 2022 – e dell’annualità 2023 – comunicazione entro il 31 marzo 2023.

Superbonus: il Decreto Cessioni

bonus-casa

Per ultimo, il Decreto Cessioni ha stabilito la possibilità di accedere alla detrazione in 10 anni anche per le spese sostenute dal primo gennaio al 31 dicembre 2022 e che rientrano tra quelle del Superbonus.