Supercoppa: perché si gioca in Arabia Saudita?

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
18/01/2023

Nella serata di oggi, alle ore 20:00, si giocherà la finale di Supercoppa italiana al King Fahd Stadium di Riad in Arabia Saudita. Per la terza volta questo trofeo verrà assegnato in questo stadio, ma quali sono le motivazioni che hanno portato a spostare il trofeo in Arabia Saudita? Valutiamo l ragione economiche insieme nel seguente articolo.

serie a calcio

Come mai la finale di Supercoppa si disputerà in Arabia Saudita? Ragioni sportive, climatiche o prettamente economiche? Queste sono le domande che moltissimi tifosi si staranno ponendo in questo momento, visto che uno dei tre trofei più importanti del calcio italiano viene assegnato molto lontano dall’Italia.

Le ragioni sono ovviamente economiche, con le finaliste che si divideranno due bonus da circa 7 milioni di euro. Valutiamo insieme la vicenda nel presente articolo.

Supercoppa: perché giocarla in Arabia?

raiola calcio italia

Vediamo in primis quali sono gli accordi che hanno portato nel tempo a far giocare la Supercoppa italiana a Riad in Arabia Saudita. Nel 2018, infatti, la Lega Serie A ha sottoscritto un accordo con il ministero dello sport saudita per disputare in Arabia tre finali di Supercoppa in cinque anni in cambio di circa 25 milioni di dollari. Questa dunque, visto che lo scorso anno si è giocato in Italia, potrebbe essere l’ultima edizione.

Ma in verità il governo saudita ha offerto un ricco rinnovo alla Lega Calcio, per far disputare di nuovo la finale in Arabia Saudita. Si ricorda che la Supercoppa viene giocata tra le squadre vincitrici del Campionato e della Coppa Italia.

Supercoppa: le nuova proposta Saudita

calcio stipendi

Vediamo i dettagli della nuova proposta del governo Saudita per rinnovare l’accordo con la Lega Calcio riguardo la Supercoppa. La proposta potrebbe essere quella di un adeguamento del format a quello spagnolo: quattro squadre che giocheranno semifinale e finale. La cifra dell’accordo triplicherebbe, arrivando fino a 150 milioni.

Anche le quattro squadre coinvolte andranno a percepire più denaro: si parla di circa 9 milioni a testa per le quattro squadre coinvolte.