Tassa di soggiorno: le prime città dove aumenterà

Luca Paolucci
  • Laurea in Economia e Management
  • Laureato in Management Internazionale
08/01/2023

Da quest’anno è previsto un aumento importante del costo della tassa di soggiorno, come deliberato dalla Legge di Bilancio 2023. Vediamo nel seguente articolo di quanto aumenterà e quali sono le prime città in cui cambierà l’importo.

small-suitcase-on-travel-urban-background-venice-italy-horizontal-toning-travel-vacation-concept-min

La Legge di Bilancio 2023 ha introdotto l’innalzamento della tassa di soggiorno a 10 euro nei Comuni capoluogo di provincia che, in base alle ultime rilevazioni, abbiano avuto presenze turistiche venti volte superiori al numero dei residenti.

Vediamo quali sono le prime città dove è previsto l’aumento.

Tassa di soggiorno: cosa cambia?

euro-money-euro-currency-coins-stacked-on-top-of-each-other-in-different-positions-against-the-background-of-euro-banknotes-business-finance-concept-business-news-splash-screen-banner-mockup-min

La Legge di Bilancio 2023 ha previsto l’aumento del 100% del costo della tassa di soggiorno, che da una media di 5 euro a notte registrata nel corso del 2022 passerà a circa 10 euro a notte nel 2023.

Questo considerevole cambiamento, tuttavia, non riguarderà la totalità delle strutture ricettive italiane: potranno adottare i nuovi prezzi solamente gli hotel e i B&B che si trovano in quei Comuni che, nel corso dei 3 anni precedenti, hanno rilevato presenze turistiche per un numero di venti volte superiore ai propri residenti. Tali Comuni faranno direttamente riferimento ai dati pubblicati dall’ISTAT riguardanti le presenze turistiche medie registrate nel triennio precedente all’anno in cui viene deliberato l’aumento dell’imposta.

Tassa di soggiorno: dove aumenta?

20220314122814-firenze-toscana-gettyimages-479035945

Assoturismo Confesercenti ha individuato i primi Comuni che, stando a quanto delineato dalla nuova Manovra, hanno diritto di imporre una tassa di soggiorno di 10 euro a notte:

  • Firenze;
  • Venezia;
  • Pisa;
  • Siena;
  • Rimini;
  • Verbania.

Considerando l’indice delle presenze turistiche in rapporto ai residenti, il Centro Studi Turistici di Firenze ha rilevato per il periodo 2017-2019 i seguenti dati:

  • a Siena un indicatore di 20,1, con una media di 1 milione di turisti ogni 53.000 abitanti;
  • a Firenze un indicatore di 29,1 (circa 30 turisti per ogni abitante);
  • a Rimini un indicatore di 50 turisti per abitante;
  • a Venezia un indicatore di 48,6 turisti ogni abitante.
  • a Verbania un indicatore di 30,5 turisti per abitante.