Tasse: si allarga la no tax area

25/11/2021

SLa Legge di Bilancio toccherà anche il tema fiscale, in attesa della tanto attesa riforma dell’intero sistema del Fisco. Una delle novità potrebbe riguardare l’allargamento della no-tax zone, che verrebbe estesa a tutti i redditi più bassi: analizziamo la situazione.

tasse calcolo

Il Ministero dell’Economia sta valutando l’opzione di aumentare la platea di soggetti a tassazione zero, in ottica riforma del sistema fiscale. Una soluzione del genere aiuterebbe e non poco tutti i lavoratori o pensionati caratterizzati da redditi bassi.

Insieme a tale misura, ve ne sono altre al vaglio tra cui la diminuzione degli scaglioni IRPEF, che passerebbero da 5 a 4 e la revisione delle detrazioni.

Fisco: allargamento della no-tax area alle porte

Tasse

Il Ministero è al lavoro per strutturare la nuova riforma del sistema fiscale, che si baserà su tre pilastri fondamentali:

  • rimodulazione degli scaglioni IRPEF;
  • ridefinizione delle aliquote di tassazione;
  • innalzamento della no tax area.

Riguardo gli scaglioni IRPEF, questi passerebbero da 5 a 4, considerando le aliquote 23%, 25%, 34% e 43%: è chiaro ed evidente che la modifica va ad intaccare le aliquote centrali. Inoltre la deduzione dell’IRAP sarebbe alzata a 35 mila euro, lasciando quindi meno tasse da pagare ai redditi fino a 20 mila euro.


Leggi anche: Tasse e bollette, pagamenti online: novità dal 1 marzo

In quest’ultima modifica risiede la possibilità di allargare la no-tax area per i redditi più bassi.

Quali soggetti sarebbero avvantaggiati da tale novità?

pagamenti tasse

Il termine no-tax area sta ad indicare l’area di reddito al di sotto della quale non si deve pagare alcun tipo di tassa. Queste sono divise nel seguente modo:

  • per i lavoratori dipendenti è 8.145 euro annui;
  • per i pensionati 8.130 euro all’anno;
  • per i lavoratori autonomi è fissata a 4.800 euro annui.

Tutti i lavoratori che si trovano in queste fasce possono permettersi di non pagare le tasse in quanto l’imposta non è dovuta a causa delle detrazioni applicate. Una eventuale modifica della zona no-tax, implica direttamente anche una revisione delle detrazioni.

Mattia Anastasi
  • Laureato in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
  • Laureando in Finanza e Metodi Quantitativi per l'Economia curriculum in Assicurazioni
  • Esperto in: Economia e Detrazioni Fiscali
Suggerisci una modifica