Tasse: si avvicina il pagamento IMU del 16 Giugno

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
11/06/2022

Il conto alla rovescia verso il pagamento dell’IMU che avverrà il 16 Giugno 2022 è sempre più agli sgoccioli. Vi sono però delle delle accortezze che ogni contribuente deve tenere, circa le rendite e le aliquote da applicare. Per i ritardatari ci sono anche delle multe da tenere sotto controllo: approfondiamo insieme la questione.

Casa

Giovedì 16 Giugno è la scadenza ultima entro cui va versata la prima rata dell’IMU per il 2022. Vi sono delle novità importanti circa la presentazione del pagamento, in particolare vi è la possibilità di esentare una sola abitazione se marito e moglie hanno la residenza in comuni diversi. I contribuenti dovranno però prestare particolare attenzione a due cose.

Approfondiamo insieme la vicenda.

Prima rata IMU 2022: chi deve effettuare il versamento?

bonus-casa

Vediamo in primis quali sono i soggetti tenuti al versamento della prima rata IMU per il 2022. Il versamento della tassa speciale per le abitazioni è dovuta in special modo dal proprietario del fabbricato, ad esclusione della prima casa. Le prime case su cui dovrà essere pagata l’IMU sono quelle rientranti tra le categorie A/1, A/8 e A/9.

A dover effettuare il versamento sono inoltre coloro che hanno diritti reali di godimento sull’abitazione in oggetto, come ad esempio l’usufrutto o il diritto di abitazione. Devono pagare anche i locatari presenti nel contratto di leasing.

Pagamenti IMU: a cosa fare attenzione?

Lavori, Casa

Come detto per il pagamento della rata dell’IMU del 2022, va fatta particolare attenzione alle rendite e alle aliquote da applicare. Ma oltre a ciò. va fatta particolare attenzione a rispettare i termini previsti per il pagamento, se non si vuole incorrere in sanzioni. Queste saranno ovviamente commisurate ai giorni di ritardo che vi saranno tra la scadenza e il giorno del pagamento.

Vediamo a quanto ammonta la mula in caso di sforamento dei limiti:

  • 0,1% al giorno fino a 14 giorni di ritardo (cioè fino al 30 giugno compreso);
  • 1,5% dal 15° al 30° giorno;
  • 1,67% dal 31° al 90° giorno;

    Potrebbe interessarti IMU 2021: esenzione prima rata

  •  3,75% dal 91° giorno e fino a un anno di ritardo.