Tax credit librerie 2022 al via le domande: cos’è e come funziona

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
14/09/2022

Dal 15 settembre sarà possibile presentare domanda per accedere al tax credit librerie, il redito d’imposta rivolto alle attività commerciali nel settore della vendita al dettaglio di libri, nuovi o usati, in esercizi specializzati. Vediamo insieme di cosa si tratta.

books-1204029_1920

A partire da domani, 15 settembre 2022, sarà possibile presentare domanda per il tax credit librerie, secondo quando comunicato tramite il messaggio pubblicato sul portale del ministero della Cultura, per la Direzione generale Biblioteche e Diritto d’Autore.

Lo sportello aprirà alle ore 12 di domani per poter richiedere il credito d’imposta rivolto alle attività commerciali nel settore della vendita al dettaglio di libri, nuovi o usati, in esercizi specializzati.

Tax credit librerie 2022: cos’è e a chi spetta

books-geafe7b933_1920

Il tax credit librerie è stato introdotto dalla legge di Bilancio 2018 e per l’anno corrente prevede un credito d’imposta dal valore massimo di 10 mila euro per le librerie facenti parte di gruppi commerciali, che possono diventare 20 mila per quelle realtà gestite dagli esercenti stessi, e quindi non parte di gruppi.

I requisiti richiesti per poter usufruire del credito d’imposta sono i seguenti:

  • avere sede legale in Italia o nello spazio Economico Europeo;
  • risultare dal registro delle imprese in possesso del codice principale di attività Ateco 47.61 o 47.79.1;
  • essere soggetti alla tassazione italiana come effetto della loro residenza fiscale, oppure per la presenza di una stabile organizzazione in Italia, a cui sia riconducibile l’attività commerciale cui sono correlati i benefici richiesti;
  • l’attività deve aver sviluppato nel corso dell’esercizio finanziario precedente dei ricavi attraverso la vendita di libri, anche usati, pari ad almeno il 70% di quanto complessivamente ricavato.

Come viene calcolato?

books-gff13fd5ed_1920

Il calcolo del credito d’imposta viene fatto in base a una serie di spese che la realtà richiedente ha sostenuto nel corso del 2021, rispettando limiti precisi, per arrivare a un massimo di 10 mila euro di tax credit per le librerie facenti parti di gruppi, o 20 mila euro per quelle indipendenti.

Il calcolo tiene conto di:

  • Imu, massimo 3.000 euro;
  • Tasi, massimo 500 euro;
  • Tari, massimo 1.500 euro;
  • imposta sulla pubblicità, massimo 1.500 euro;
  • tassa per l’occupazione del suolo pubblico, massimo 1.000 euro;
  • spese per mutuo, massimo 3.000 euro;
  • i contributi preventivi e assistenziali per i dipendenti, massimo 8.000 euro;
  • spese per la locazione, massimo 8.000 euro al netto dell’Iva.