Telemarketing: come difendersi se continuano le chiamate?

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
17/09/2022

Sono il terrore principale degli utenti, che intasano caselle di posta elettronica e messaggistica: sono i messaggi pubblicitari spam e di telemarketing. Vi è però un metodo particolare per liberarsene definitivamente, potendo finalmente godere di pace e tranquillità.

Lavoro

In un mondo sempre più digitale e connesso, sono sempre di più le aziende che si servono di spam e telemarketing per cercare di vendere il più possibile i propri prodotti. Tali metodi sono considerati un vero e proprio stress per gli utenti, che farebbero qualsiasi cosa pur di privarsi dei messaggi commerciali.

Ora però sembra esserci un metodo per liberarsene una volta per tutte: vediamo come fare nei prossimi paragrafi.

Spam e telemarketing: come funziona il sistema?

Telefono

Vediamo in primis come funziona il meccanismo di pubblicità che utilizza spam e telemarketing come metodo per raggiungere gli utenti. Il metodo più fastidioso è quello delle continue telefonate intermittenti, che disturbano costantemente la vita degli utenti, in particolare coloro che lavorano utilizzando moltissimo il cellulare.

Discorso analogo può essere fatto per quanto riguarda le mail: sono moltissime le aziende che cercano di utilizzare il metodo dello spam per raggiungere più utenti possibili. Ma vi sono dei metodi per fermare questa metodologia di marketing? Assolutamente sì, vediamo quali sono nei prossimi paragrafi.

Cosa fare se le chiamate persistono?

Telefono

Per tutelarsi in caso di persistenza delle chiamate indesiderate dei call center, nonostante l’iscrizione al Registro delle opposizioni, vi è la possibilità di inviare un apposito modello all’operatore economico. La procedura è illustrata dal Garante per la protezione dei dati personali e fa riferimento a quanto previsto dal Dpr 26/2022. Vi è inoltre un’altra possibilità di tutelarsi.

Per evitare che l’operatore possa continuare con i contatti, l’interessato può esercitare i diritti di accesso, rettifica, integrazione, aggiornamento, cancellazione, di limitazione del trattamento, di opposizione al trattamento dei dati che lo riguardano effettuato per finalità di marketing diretto, compresa la profilazione, nella misura in cui sia connessa a tale marketing diretto.