Tredicesima dipendenti pubblici 2023: cos’è e quando viene pagata

Luca Paolucci
  • Laurea in Economia e Management
  • Laureato in Management Internazionale
01/05/2023

Come avviene ogni anno, i dipendenti pubblici  hanno diritto a ricevere il pagamento della tredicesima, la mensilità aggiuntiva erogata insieme allo stipendio di dicembre. Vediamo nel seguente articolo come funziona e quando sono previsti i pagamenti relativi al 2023.

money-3481757_1920

La tredicesima per i dipendenti pubblici viene pagata ogni anno contestualmente allo stipendio di dicembre.

Vediamo nel seguente articolo quando verrà accreditata la tredicesima relativa al 2023.

Tredicesima dipendenti pubblici 2023: quando arriva

money-1005476_1920

I dipendenti della Pubblica Amministrazione, come ogni anno, hanno diritto a ricevere il pagamento della tredicesima contestualmente allo stipendio di dicembre, che a differenza della altre mensilità prevede delle date di accredito differenti.

Generalmente, infatti, il calendario dei pagamenti degli stipendi per i dipendenti pubblici è quello disposto dall’allegato 1 del decreto n. 350 del 2001, che corrisponde:

  • al 22° giorno del mese per gli insegnanti delle scuole materne ed elementari;
  • al 23° giorno del mese per il personale amministrativo delle direzioni provinciali del Tesoro con ruoli di spesa fissa;
  • al 24° giorno del mese per il restante personale statale (ad eccezione dei docenti con supplenze brevi, per i quali lo stipendio arriva il 27° giorno del mese).

Per l’ultimo mese dell’anno, invece, è previsto un anticipo sulle date di pagamento, proprio per il fatto che lo stipendio comprende anche la tredicesima.

Le date dei pagamenti

A dicembre 2023, lo stipendio e la tredicesima verranno pagati contestualmente nelle seguenti date:

  • dal 14 dicembre per insegnanti di scuole materne ed elementari;
  • dal 15 dicembre per il personale amministrativo delle direzioni provinciali del Tesoro con ruoli di spesa fissa;
  • dal 16 dicembre per il personale insegnante supplente temporaneo e per il restante personale statale (compresi i docenti con supplenze brevi).