Twitter vs Musk: il patron di Tesla fa causa al social network

Dopo il tentato acquisto da parte del patron di Tesla del social Network Twitter, la situazione è ora molto calda e rischia di proseguire per vie legali. Dopo la causa presentata da Twitter contro Musk, è ora egli stesso ad aver denunciato il social network. Vediamo gli sviluppi della vicenda.

Twitter

Sembra non avere fine la vicenda tra Twitter ed Elon Musk. Il magnate sudafricano aveva tentato l’acquisto del social network, con l’idea di rilanciarlo e di modificarne l’identità. L’acquisto tentato per 44 miliardi di dollari, si è in seguito concluso con la ritirata di Musk, che ha ritenuto eccessivamente onerosa la spesa da porre in essere.

Come si è evoluta la vicenda e cosa potrebbe accadere?

Twitter vs Musk: soluzione alle vie legali

elon-musk

Nella prima fase delle vie legali, è stata Twitter a denunciare il magnate di Tesla, con l’accusa di essersi ritirato dall’acquisto della società dopo aver ben avviato i contatti e aver presentato l’offerta. Il tribunale del Delaware ha già presentato la convocazione per l’udienza, fissandola al 17 Ottobre. Il procedimento durerà cinque giorni e Twitter spera che la conclusione sia di procedere con la cessione.

In caso di sconfitta di Musk dunque, si procederà con l’acquisto della società per la cifra di 44 miliardi di dollari, relativa alla prima offerta presentata.

Twitter e Musk: la nuova denuncia

elon-musk-perso-11-miliardi-dollari-giorno-crolla-patrimonio-v4-506196-1280×720

Musk ha risposto alla denuncia di Twitter, facendo causa alla società stessa. Il contenuto non è ancora stato rivelato, in quanto è stata disposta massima segretezza da parte dei legali di Musk. La soluzione non sarà semplice, anche perché ci sono decine di miliardi in ballo.

In caso di un eventuale passaggio di proprietà, il social network passerebbe nelle mani di Elon Musk, il quale ha un piano ben preciso su come intervenire. La piattaforma social sarebbe aperta a tutti e con completa libertà di espressione per coloro che vorranno utilizzare il social.

 

Lascia un commento