Un bonus da 60 euro senza fare domanda: ecco di cosa si tratta

Nel 2024, le famiglie italiane potranno beneficiare di un significativo supporto economico destinato a mitigare le spese legate alla mobilità grazie al nuovo Bonus Trasporti. Questa misura, che si inserisce nell’ambito della “Carta Dedicata a te”, promette di semplificare la vita di molti cittadini, offrendo un aiuto concreto e diretto senza la necessità di complesse procedure burocratiche.

La “Carta Dedicata a te” e il bonus trasporti

Inizialmente concepita per l’acquisto di beni alimentari nel 2023, la “Carta Dedicata a te” ha ampliato il suo raggio d’azione a seguito dell’aumento dei prezzi dei carburanti e delle necessità legate al trasporto pubblico. Questa evoluzione la rende uno strumento versatile e prezioso per le famiglie, permettendo l’acquisto di carburante e abbonamenti ai mezzi pubblici, oltre ai beni alimentari.

Beneficiari e assegnazione: chi riceverà il Bonus

Nel 2023, la Carta ha beneficiato circa 1,3 milioni di famiglie, con un sostegno economico che ha raggiunto i 459,70 euro. Il criterio di assegnazione si basa sull’ISEE, privilegiando le famiglie con un reddito inferiore ai 15.000 euro e quelle con almeno tre componenti e minori a carico, escludendo chi già percepisce altre forme di sostegno statale.

Procedura di assegnazione 2024: cosa aspettarsi

Per il 2024, si prevede la conferma dei criteri di idoneità dell’anno precedente, con l’introduzione dell’ISEE 2024 come parametro aggiuntivo. Le famiglie beneficiarie riceveranno automaticamente il bonus, eliminando la necessità di una domanda esplicita. L’importo esatto del bonus e le categorie di spese ammissibili saranno definiti in un decreto attuativo, con l’assegnazione prevista dopo il 15 marzo 2024.

In sintesi

  • Bonus Trasporti 2024: Una misura per sostenere le famiglie nelle spese di mobilità.
  • “Carta Dedicata a te”: Strumento di sostegno ampliato per includere carburante e trasporti pubblici.
  • Beneficiari: Famiglie con ISEE inferiore a 15.000 euro, priorità a quelle numerose con minori.
  • Assegnazione Automatica: Nessuna domanda richiesta, basata su criteri di idoneità predefiniti.
  • Procedura 2024: Importo e categorie di spese definibili con decreto, assegnazione post 15 marzo.

Questo nuovo approccio al Bonus Trasporti rappresenta un passo importante verso un sistema di welfare più accessibile e diretto, che riconosce le sfide economiche delle famiglie e si propone come soluzione pratica per alleggerire il carico delle spese quotidiane.