Bonus estivo, rimborsi fino al 100%: domani scadono i termini per presentare la domanda

Per le famiglie italiane con figli di età compresa tra i 3 e i 14 anni, dipendenti o pensionati della Pubblica Amministrazione iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, l’INPS offre un’opportunità significativa per alleggerire i costi delle attività estive dei loro bambini attraverso il Bonus Estivo.

Questo contributo è valido per il periodo che va da giugno al 7 settembre 2024 e mira a coprire le spese per la frequenza dei centri estivi diurni.

Dettagli del contributo

Il Bonus Estivo INPS prevede un rimborso totale o parziale per le spese sostenute nei centri estivi, fino a un massimo di 100 euro a settimana, per un massimo di quattro settimane anche non consecutive. È importante che il centro estivo sia uno solo per tutta la durata del contributo, e non deve prevedere il pernottamento.

Quando scade e come presentare la domanda?

Le domande per il bonus devono essere presentate entro le 12 del 26 giugno 2024, esclusivamente in modalità telematica tramite il portale dell’INPS. Per accedere alla piattaforma, è necessario utilizzare le credenziali SPID, CIE o CNS.
Una volta effettuato l’accesso, occorre selezionare l’opzione “Centri estivi” nella sezione “Prestazioni Welfare” e seguire le istruzioni per completare la domanda. Dopo l’invio, la domanda sarà visibile nella sezione “Le mie domande” dell’area riservata.

Calcolo del rimborso

L’ammontare del rimborso varia in base all’ISEE del nucleo familiare:

  • Fino a 8.000 euro: 100% del rimborso
  • Da 8.000,01 a 24.000 euro: 95% del rimborso
  • Da 24.000,01 a 32.000 euro: 90% del rimborso
  • Da 32.000,01 a 56.000 euro: 85% del rimborso
  • Oltre 56.000 euro: 80% del rimborso

Graduatoria degli ammessi

La graduatoria degli ammessi sarà pubblicata entro il 30 luglio 2024 sul sito dell’INPS. In totale, l’INPS concederà 3.000 contributi che copriranno spese per attività ludico-ricreative, sportive, vitto, gite e altre attività del centro, oltre alle assicurazioni.

Chi avrà la priorità?

La priorità sarà data alle famiglie con ISEE più basso. Inoltre, per i bambini con disabilità grave o gravissima, è prevista una maggiorazione del 50% del contributo per coprire le spese di assistenza dedicata, previa richiesta in fase di compilazione della domanda.

Come richiedere il Bonus in alcune Regioni

Le modalità di richiesta del bonus possono variare leggermente da regione a regione:

  • Lombardia: I servizi sono gestiti dai Comuni. Ad esempio, a Milano le prenotazioni per i centri estivi della scuola primaria si sono chiuse il 3 aprile, mentre a Brescia il termine era il 28 maggio.
  • Emilia Romagna: La regione ha stanziato 7 milioni di euro per i centri estivi del 2024. I genitori possono ricevere un contributo massimo di 300 euro a figlio, con un limite di 100 euro a settimana. Le domande devono essere presentate online al Comune o al Distretto di residenza.
  • Liguria: Il voucher centri estivi 2024 è disponibile per famiglie con ISEE fino a 30.000 euro. Le domande possono essere presentate dal 16 settembre al 15 novembre 2024, a servizio usufruito.

Bonus Estivo INPS 2024 in sintesi

Criterio Dettagli
Data di Scadenza 26 giugno 2024, ore 12:00
Destinatari Figli di età compresa tra 3 e 14 anni di dipendenti/pensionati della PA
Importo Massimo del Rimborso 100 euro a settimana, fino a quattro settimane
Modalità di Presentazione Online tramite portale INPS con SPID, CIE o CNS
Graduatoria Pubblicazione entro il 30 luglio 2024
Percentuale di Rimborso Fino a 8.000 euro ISEE: 100%; 8.000,01 – 24.000 euro: 95%; 24.000,01 – 32.000 euro: 90%; 32.000,01 – 56.000 euro: 85%; oltre 56.000 euro: 80%
Priorità Famiglie con ISEE più basso, maggiorazione del 50% per bambini con disabilità grave
Modalità Regionali Variazioni nelle modalità di richiesta tra le regioni Lombardia, Emilia Romagna, Liguria

Il Bonus Estivo INPS 2024 rappresenta un’importante agevolazione per le famiglie di dipendenti e pensionati della Pubblica Amministrazione, offrendo un supporto concreto per coprire le spese delle attività estive dei bambini. Assicurati di presentare la domanda entro la scadenza e di seguire le specifiche regionali per ottenere il massimo beneficio.