Cartelle esattoriali 2024: come pagare, cosa succede se non pago e complicazioni

Nel 2024, i contribuenti italiani si trovano ad affrontare sfide significative nel gestire le cartelle esattoriali, specialmente in un contesto economico che continua a porre innumerevoli difficoltà finanziarie.

La cartella esattoriale rimane un problema considerevole per molti, principalmente per coloro che stanno attraversando periodi di ristrettezze economiche. Vediamo quali sono le opzioni e le possibili conseguenze per chi si trova impossibilitato a saldare tali debiti.

Scadenze e le proroghe cartelle esattoriali

Per chi riceve una cartella esattoriale dall’Agenzia delle Entrate Riscossione, il termine per il pagamento è generalmente di 60 giorni. Qualora questo termine scada in un giorno non lavorativo, come il sabato, è permesso effettuare il pagamento il primo giorno lavorativo successivo, spesso il lunedì. Chi non rispetta queste scadenze può trovarsi di fronte a misure severe come il pignoramento monetario.

Come rateizzare il debito con il fisco

In presenza di difficoltà finanziarie temporanee, il contribuente ha la possibilità di richiedere la rateizzazione del debito. Questa opzione è accessibile mediante la presentazione di una specifica istanza all’Agente della Riscossione. Per debiti superiori ai 60.000 euro, è necessario fornire una documentazione che attestI la reale situazione di difficoltà economica.

Se non pago il debito cosa succede?

Se il debito non viene saldato entro un anno dalla notifica, il creditore invia un’intimazione per regolarizzare il pagamento entro cinque giorni. In caso di ulteriore mancato pagamento, si procede con un avviso di avvio del pignoramento dei beni, che può essere effettuato 180 giorni dopo l’ultima notifica. Se il pagamento continua a non essere effettuato, l’Agenzia delle Entrate procederà con il pignoramento dei beni.

Impatto sulla successione

Un aspetto poco discusso ma significativo è che, in caso di decesso del debitore, i debiti possono essere trasferiti agli eredi, a meno che questi non rifiutino l’eredità. È quindi cruciale per gli eredi essere consapevoli delle possibili implicazioni finanziarie prima di accettare un’eredità.

Per maggiori informazioni

Per coloro che cercano ulteriori informazioni o necessitano di chiarimenti, è sempre possibile rivolgersi ai canali telematici dell’Agenzia delle Entrate o recarsi di persona agli uffici predisposti, dove è possibile ottenere assistenza specifica e personalizzata.