Nel 2024 arrivano 4 bonus nuovi e uno extra, scopriamo quali sono e come averli

Nel panorama delle novità fiscali del 2024, emerge la Legge di Bilancio 2423, che ha portato l’implementazione di cinque nuovi bonus nella busta paga dei lavoratori italiani. Questi incentivi si configurano come opportunità significative per supportare diverse categorie di lavoratori, offrendo sostegno e vantaggi fiscali. Vediamo nel dettaglio questi bonus.

Esonero contributi previdenziali

Uno dei punti cardine della legge è l’esonero contributivo: un bonus del 6% è previsto per alleggerire i contributi previdenziali dei lavoratori per tutto il 2024. Questa misura si applica ai lavoratori con stipendi mensili fino a 2.692 euro. Inoltre, vi è un incremento di un ulteriore 1% per chi percepisce meno di 1.923 euro mensili, ottimizzando ulteriormente la trattenuta previdenziale.

Aumento soglia welfare aziendale

Il welfare aziendale riceve una spinta significativa con l’aumento della soglia a 2.000 euro, mirato ai lavoratori con figli a carico. Questo bonus include una varietà di fringe benefits, come servizi e beni vari, inclusi i costi per utenze domestiche e interessi su mutui per la prima casa o affitti.

Riduzione imposta sui premi di produttività

Il 2024 vede anche una riduzione dell’imposta sui premi di produttività, che scenderà al 5%. Questa misura è volta a incentivare e valorizzare il contributo produttivo dei lavoratori nel loro ambito lavorativo.

Bonus per lavoratrici madri

Particolarmente significativo è il bonus per le lavoratrici madri: è previsto un esonero totale della quota contributiva per le madri di tre o più figli, con contratto a tempo indeterminato. Questo supporto si estende fino ai 18 anni del figlio più piccolo, con un limite di 3.000 euro annui. Per le madri di due figli, il bonus si applica fino al decimo anno del figlio minore.

Bonus extra: detassazione per lavori notturni e ntraordinari

Infine, vi è un’importante detassazione per il lavoro notturno e straordinario, un’azione volta a sostenere la stabilità occupazionale in settori chiave come la ristorazione, il turismo e le terme. Questa detassazione è riservata ai lavoratori dipendenti del settore privato con un reddito annuo inferiore a 40.000 euro nel 2023.

Questi bonus rappresentano un passo significativo verso il supporto e l’incoraggiamento dei lavoratori in diverse situazioni e settori, dimostrando un impegno attivo del governo nel promuovere il benessere e la stabilità lavorativa.