Il mercato dei cellulari saluta la recessione

In ripresa a livello mondiale il settore della telefonia mobile. A trainare la ripresa dell’ultimo trimestre 2009 gli smartphone. Un comparto che promette sviluppi notevoli nel 2010. E l’Oriente si affaccia in Europa.

blur-1853302 (1)

Nonostante le difficoltà in cui versa ancora il settore ICT, nel mondo e in Italia le telecomunicazioni riguadagnano un posto tra i comparti in crescita.

Secondo l’analisi iSuppli, a livello globale è soprattutto il mercato della telefonia mobile a poter pensare alla fine della recessione dopo un ultimo trimestre 2009 positivo e una prevista sostanziale crescita nel 2010, soprattutto degli smartphone.

La telefonia mobile traina la ripresa

telephone-586266_1920

Come anticipato dal Rapporto Assintel e come confermato da iSuppli, società americana specializzata in analisi di mercato, analizzando la fine del 2009 il comparto della telefonia mobile è stato l’unico, in un’economia piuttosto moribonda, a dare segni di vivacità, con 1,15 miliardi di unità vendute.


Leggi anche: Generazione di precari: quali opportunità?

Nonostante tale numero rappresenti un calo rispetto al 2008, quando ne furono vendute 1,2 milioni, si tratta comunque del miglior risultato del 2009, culmine di un faticoso processo di ripresa. Paragonando infatti le 290 milioni di unità vendute nel terzo trimestre 2009 alle 335 milioni dell’ultimo trimestre 2009, è facile notare un netto miglioramento del 15,5%.

Una buona notizia per un settore che da anni ha trainato l’intero comparto della telefonia e che, colpito anch’esso dalla crisi, aveva destato non poche preoccupazioni tra addetti ai lavori e osservatori.

Tina Teng, Senior Analyst di iSuppli, afferma:

“Data la ripresa del mercato a fine 2009, con Europa, America Latina e Medio Oriente particolarmente attive nella spinta al rilancio, la recessione per l’industria dei telefoni cellulari può dirsi ufficialmente conclusa.”

Il trend positivo, già registrato all’inizio di quest’anno, conferma le previsioni ottimistiche per il 2010, che dovrebbero concretizzarsi in una crescita complessiva del 11,3%, con 1,3 miliardi di unità vendute.

Il boom degli smartphone

photography-801891_1920

Tra le varie categorie di dispositivi mobili sono senza dubbio gli smartphone a promettere tassi di espansione notevoli. Si parla infatti di +35,5% nel 2010. Questi dispositivi, dotati di sistema operativo e funzionalità sempre più complete, sono stati per anni appannaggio di una fascia di utenza professionale o semi-professionale, o comunque di una fascia piuttosto alta di mercato.

Negli ultimi anni, però, hanno avvicinato fasce di pubblico sempre più ampie. Il loro sviluppo a livello di mercato dovrebbe essere facilitato anche dall’ingresso di smartphone entry-level, ma anche dello sviluppo e diffusione della rete 3G oltre che da adeguate iniziative di marketing su pacchetti e servizi dati. Questo almeno nei mercati più maturi.


Potrebbe interessarti: Monitoraggio delle attività di business e processi: vantaggi e svantaggi

Mercato della telefonia: resta alta la concentrazione

smartphone-1283938

Mercati che vedono una notevole concentrazione dei maggiori player. Nell’ultimo trimestre 2009, i cinque principali operatori hanno concentrato il 77% dello share di mercato, con circa 257,6 milioni di unità vendute.

Nokia resta il leader indiscusso con 126,9 milioni di apparecchi venduti e il 37,9% di quota di mercato. È inseguito da Samsung, che ha introdotto un sistema operativo proprietario nei suoi smartphone e che si posiziona sul secondo gradino, con una quota di mercato pari al 20,6%.

Tra i restanti cinque top player vi sono LG, al terzo posto con una quota di mercato pari al 10,1%, Sony Ericsson al quarto, con il 4,4% di share, e il gigante cinese ZTE, al quinto posto con il 4% di share ma con possibilità di sviluppo notevoli vista la crescita, dal primo trimestre all’ultimo, pari al 77%.

Il secondo produttore di apparecchi nel mercato cinese, Huawei Technologies, è invece solo al settimo posto. Ma anche in questo caso non sembra volervi restare a lungo, dato che ha terminato il trimestre con +82,4% di crescita.

L’estremo Oriente si prepara quindi a divenire protagonista nel settore dei telefoni cellulari, non solo sul proprio territorio e nei mercati emergenti ma anche e soprattutto in Europa.

Luca Paolucci
Laurea in Economia e Management
Laureando in Management Internazionale
Suggerisci una modifica